CIRCOLO  ARCI SCINTILLA

 

GENNAIO MARZO2019

 

Via S.Mama, 75 Ravenna 48121 info:3319118800

mail info@mamasclub.it

 

Ingresso riservato ai soci Arci.

L’iscrizione si  può fare anche alle nostre serate.

WebMaster Italo Arfelli

LIBRO COMPLETO  

 

 

ì venerdì   sabatomusica lirica galleria foto dove siamo chi siamo

SABATO 23  FEBBRAIO 2019

TARTAKUT 

”Musica dai Balcani”

Antonella Lanotte: voce; Michele Boldrin: violino, mandola e voce; Enrico Cavalieri: fisarmonica e voce; Michele Lamacchia: percussioni, voce; Michele Murgioni: bassotuba;Giovanni Tufano:chitarre e percussioni.

 

INGRESSO 12 € 

Il progetto Tartakut nasce a Bologna nel 2010 dalla ricerca etnomusicale sui paesi dell'area balcanica e dell'ex Impero Ottomano, attraverso incontri e laboratori con musicisti di tradizione e studi in archivi etnografici. Nel 2017 nasce un nuovo ensemble che dà vita ad un vasto repertorio di musiche e canti di tradizione greca, serba, macedone, arbëreshë, bosniaca, rumena, russa, ungherese, bulgara. Un autentico viaggio sonoro per ripercorrere rotte e cammini di ieri e di oggi, varcare confini, narrare paesaggi e scene di vita, raccontare sogni e miti.

 

Il progetto Tartakut nasce a Bologna nel 2010 da una ricerca etnografica sulle tradizioni musicali dei paesi dell'Europa sud-orientale, dall’area balcanica a quella slava e dell'ex Impero ottomano. Attraverso incontri, laboratori e collaborazioni con musicisti serbi, rumeni, greci, albanesi e slovacchi, sia appartenenti alla cultura rom che a quella maggioritaria, con il supporto dello studio di materiale d’archivio e di centri di ricerca sul folclore, il gruppo ha dato vita ad un vasto repertorio di musiche e canti che spaziano nelle geografie culturali dei paesi citati, ma anche in quelle macedoni, arbëreshë, bosniache-erzegovesi, russe, ungheresi e bulgare.

Un autentico viaggio sonoro per ripercorrere rotte e cammini di ieri e di oggi, varcare confini, narrare paesaggi e scene di vita, raccontare sogni e miti.

Ripercorrendo questi spazi sonori e narrativi i Tartakut costruiscono una narrazione umana che partendo da storie marginali, di pescatori che lottano per sopravvivere, di bucolici innamoramenti montanari, e di colossali sbronze alla fine di quegli stessi amori, arriva fino a momenti storici più incisivi, come la lotta all’occupazione nazifascista del Balcani durante la Seconda guerra mondiale. Il risultato è un cammino fra sonorità plurali e allo stesso tempo corali, che stimolano l’empatia e l’assorbimento emotivo.

Continua la promozione 5+1

Vieni a  cinque  concerti e ne  avrai 1 Gratis  Richiedi la tessera all'ingresso