CIRCOLO ARCI SCINTILLA

Ingresso riservato ai soci Arci.

L’iscrizione si  può fare anche alle nostre serate.

Se vuoi fare prima 

clicca su

PREISCRIZIONE ONLINEGUIDATA

WebMaster Italo Arfelli

OTTOBRE 2019 GENNAIO 2020

 

a

Via S.Mama, 75 Ravenna 48121

 

 info:3319118800

mail info@mamasclub.it

 

 

homepage ì venerdì   sabatomusica lirica galleria foto dove siamo chi siamo

VENERDI' 13 DICEMBRE ORE 21,30

GABER & JANNACCI

I due corsari

Concerto del duo 

Gianluigi Tartaull: voce, chitarra e ukulele; Luca Bombardi : pianoforte

 

INGRESSO 10 €

Dopo Tenco, dopo Le belle canzoni della nostra storia, che racconta i cantautori degli anni 60 e 70, dopo il progetto sui fratelli Paolo e Giorgio Conte, Gianluigi Tarta

Perchè insieme? Perchè insieme hanno cominciato, perchè, pur facendosi attraversare totalmente dalla loro arte, non hanno mai dimenticato che la vita è qualcos'altro. Perchè ci hanno fatto riflettere sulle nostre ipocrisie e meschinità, mai come maestri, ma sempre come compagni di strada.

Dopo aver collaborato come musicisti nel gruppo di Adriano Celentano, alla fine del 1958 i giovani Enzo Jannacci e Giorgio Gaber decidono di formare un duo canoro , “I due corsari”. Il genere preminente dei loro pezzi è il nascente Rock'n Roll. Quello che accomuna tutte le canzoni del repertorio sono i testi, sempre umoristici e a volte antesignani del rock demenziale.

In realtà “corsari” lo sono rimasti anche nelle carriere individuali. Gaber, ironico, sarcastico fino alla spietatezza, con grande coraggio ha rinunciato al successo televisivo, sicuro e remunerativo, per il Teatro-canzone, strada nuova e difficile, che  però gli ha restituito  contatto diretto con il pubblico, indispensabile al suo essere musicista- attore. In questa dimensione ci ha consegnato una lettura dell'essere umano, delle sue ipocrisie, delle sue fragilità, della sua piccolezza, sempre con la con-passione del grande artista.

Più surreale, a volte demenziale, sempre originale, Jannacci ci ha raccontato la Milano del dopoguerra, dove era approdato come emigrante, sempre dalla parte dei più sfortunati. Ha sollecitato le corde delle nostre emozioni sfruttando quel suo modo comico di dire le cose, con quella malinconica rassegnazione che sempre ha attraversato i suoi testi.

Due giganti, a cui non possiamo che dire GRAZIE!